L’archivio di storia orale del CCS raccoglie le interviste audio e video ai ceramisti, ai terracottai, ai maestri artigiani, ai tecnici di colorificio ceramico realizzate dal 1982 fino ad oggi. Le prime interviste degli anni ’80 sono frutto di un lavoro svolto da un’equipe di specialisti formata da Francesco Alberti, Gian Bruno Ravenni, Giovanni Contini ed altri collaboratori. Le altre, realizzate dal 1985 al 2003, sono state raccolte da Gabriele Migliori, Fausto Berti e Alessio Ferrari per il Museo della Ceramica di Montelupo, mentre quelle dal 2005 al 2013 sono state realizzate dal personale della Fondazione Vittoriano Bitossi, in particolare da Elisabetta Daini e Marina Vignozzi. Questa attività di raccolta del sapere tecnico riprende poi nel 2016 con la nascita del Centro Ceramico Sperimentale e continua tutt’oggi.

All’interno di questo archivio, nato per recuperare e codificare i saperi tecnici relativi ai processi di produzione delle ceramiche del Novecento, confluiscono sia le interviste sulla tradizione ceramica e manifatturiera di Montelupo del XX secolo, sia le interviste tecniche specialistiche su un particolare tipo di lavorazione o codifica di un esperienza formativo-metodologica della didattica dei maestri fondatori della scuola di ceramica (1982-2013).

Le interviste raccolte vengono trascritte senza tagli o montaggi e per questo, in alcuni casi, possono risultare di difficile comprensione o inesatte poiché è insita nella testimonianza stessa la possibilità di produrre falsi ricordi che vengono scambiati come veritieri da chi racconta la propria esperienza. Questo censimento dà vita all’elaborazione della trascrizione in prodotti testuali/divulgativi di duplice natura: i primi, storici, sono dei testi dove vengono ricostruite le varie fasi di lavorazione e realizzazione della ceramica a Montelupo basandosi sulle testimonianza di coloro che hanno vissuto il momento più prolifico e importante della ceramica montelupina nel corso del XX secolo. Questi lavori sono molteplici e trattano vari argomenti: dalla terra ai rivestimenti ceramici, dalla raccolta dell’argilla sul fiume, alla raccolta della legna nel bosco quale combustibile per i forni, dai metodi di insegnamento didattico alle figure professionali interne alle botteghe ceramiche. Un primo lavoro a carattere divulgativo, sebbene ancora non pubblicato, è stato realizzato da Francesca Martelli, dottoressa in Storia Contemporanea dell’Università di Pisa, a cura di Gabriele Migliori,  “La terra. Approvvigionamento e lavorazione della terra a Montelupo”. Pubblicazione che inaugura una collana divulgativa sulle fasi più importanti del processo produttivo ceramico: dalla raccolta e lavorazione della terra, ossia dell’argilla come componente essenziale della ceramica, alle fasi di foggiatura, di rivestimento, ai trasporti e ai mercati di riferimento a partire dalla seconda metà del ‘900 fino alle soglie degli anni 2000.

I secondi lavori riguardano la produzione di manuali tecnici per gli allievi e di manuali didattici per gli istruttori che si fondano, e vengono realizzati, sull’esperienza diretta degli insegnanti della scuola, dei ceramisti o ex ceramisti, in riferimento ai processi produttivi nella produzione degli oggetti e/o dei materiali semilavorati.

Il lavoro dell’archivio di storia orale è importante e fondamentale per raccogliere le testimonianze più dirette e, proprio per questo, è sempre in fase di evoluzione e cambiamento. Ogni contributo al suo ampliamento è un tributo al Sapere e al Saper Fare la ceramica.  Tutti i testi divulgativi che hanno origine da questo archivio, sia a carattere storico, tecnico o didattico sono necessari per espandere una conoscenza importantissima che oggi più che mai rischia di scomparire per sempre.

In questo momento l’archivio conta oltre 70 ore di registrazioni realizzate a 48 persone nel corso di circa 35 anni. Per ringraziare tutti coloro che si sono prestati ai microfoni delle varie equipe, che si sono succedute nel tempo, permettendo la nascita e la crescita di questo  archivio, riportiamo i loro nomi qui di seguito: Allegranti Piero, Bellucci Tolmino, Bitossi Aladino, Bitossi Francesco, Bitossi Gloriano, Bitossi Guido, Bitossi Monica, Bitossi Renato, Bitossi Vincenzo, Bitossi Vittoriano, Borgini Enzo, Cacialli Vincenzo, Calonaci Ugo, Cannelli Carlo e Luigia, Ciardi Nello, Cecchini Mauro, Cinotti Piero, Cinotti Pietro, Corradini Pasquale, Costoli Renato, Dolfi Giovanni, Dolfi Piero, Faggioli Francesco, Fagioli remo, Gambaccini Giovanni, Gheri Stefano, Giacomelli Aurelio, Lassi renato, Londi Aldo, Londi Luca, Londi Marco, Mancioli Luciano, Mangani Alfredo, Mannucci Marx, Masono Giovanni, Masotti Guido, Mercantelli Ferrero, Nardi Giuseppe, Paoli Irma & figli, Romagnoli Enrico, Romagnoli Mario, Scappini Aldo, Scappini Nedo, Scardigli Paolo, Scardigli Raffaello, Venturi Armenio.

Equipe 1982-1984

Composta da Francesco Alberti, Gian Bruno Ravenni e Giovanni Contini produsse una serie di interviste video e audio che permisero la realizzazione di un documentario video di 60′, commissionato alla ditta Castoro di Alberti, dal titolo “Nomi, gesti, storie: sette secoli di produzione ceramica a Montelupo”, primo documento concreto che raccoglieva le testimonianze dirette dei ceramisti e della loro attività dal dopoguerra fino agli anni ’70 del XX secolo.

Equipe 1984-2003

Composta da Gabriele Migliori, Alessio Ferrari e Fausto Berti per il Museo della Ceramica Montelupo, i quali si occuparono della redazione di interviste per il recupero delle conoscenze sulle attività manifatturiere del territorio sia e soprattutto riguardo la ceramica, ma non solo, allargando la ricerca anche al settore legno, cornici, vetro ecc.

Equipe 2003-2019

Composta dal personale della Fondazione Vittoriano Bitossi, Marina Vignozzi Paszkowski e Elisabetta Daini, e al personale interno al Centro Ceramico, Paolo Pinelli, Gabriele Migliori, Francesca Martelli, Ambra Garosi e Sara Chiarito continua nel percorso di raccolta delle testimonianze iniziato nel lontano 1982.

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Clicca qui